Salvataggio del doberman della costa settentrionale

Dogtime saluta il salvataggio del doberman della costa settentrionale dell'Ohio.

Come è nata la tua organizzazione?

La nostra organizzazione è stata fondata dodici anni fa da Judi Pirozzoli di Rock Creek, Ohio. Judi ha un amore radicato per la razza e ha iniziato semplicemente salvando un cane ed è sbocciato da lì. Nel marzo del 2007, Tateka Clark ha collaborato con Judi e sono diventati North Coast Doberman Rescue, un'organizzazione senza scopo di lucro 501 C-3.



qual è la tua missione?

La nostra missione è salvare maltrattati, abbandonati, trascurati e incompresi Dobermann e inseriscili in case amorevoli per sempre con persone che ne comprendono le caratteristiche.



Come fanno la maggior parte dei tuoi animali a trovarti?

I nostri soccorsi provengono da rifugi sparsi in tutta la nostra regione, e anche alcuni dal sud. I rifugi sono appena sopraffatti e tirare da questi rifugi e rifugi per uccidere sono la nostra priorità assoluta. Alcuni vengono ceduti da proprietari che sono semplicemente indesiderati e alcuni provengono da cattive case.

Cosa succede agli animali una volta che sono sotto la tua cura?

I dobermann soccorsi ricevono cure veterinarie immediate. Ricevono un esame completo, vaccinazioni , filaria test, sterilizzare / castrare , microchip e qualsiasi assistenza medica necessaria. I nostri soccorsi sono custoditi in case affidatarie da cui possono essere forniti di tutto ciò di cui hanno bisogno vasino , Casa maniere , bene nutrizione e amore.



Parlaci di un animale particolarmente avvincente o di un salvataggio stimolante.

Abbiamo avuto molti cani che hanno davvero toccato le nostre vite. Il cane che ha toccato il cuore di tutti all'NCDR era un cane di nome Mira. Veniva da un rifugio della Carolina del Sud dove è stata raccolta come un randagio insieme al suo compagno di corsa maschio. Era in condizioni deplorevoli ed era molto positiva per la filaria. Anche lei stava uscendo dal caldo, quindi sospettavano ovviamente che si fosse accoppiata con il suo compagno, Fletch.

Bene, all'arrivo in Ohio, è stata immediatamente portata dal veterinario. È stato determinato che era così gravemente positiva per la filaria che non potevamo rischiare a sterilizzare a quel tempo. Era emaciata e il suo corpicino non sarebbe sopravvissuto all'intervento invasivo. Circa una settimana e mezza dopo l'esame veterinario iniziale, abbiamo notato una dimissione; era il temuto piometria (infezione dell'utero). Abbiamo dovuto trattarla con forti dosi di antibiotici, ecc.

Una volta risolta l'infezione, abbiamo stabilito che non era incinta. Abbiamo proceduto con il suo primo trattamento contro la filaria. Circa una settimana dopo ha ricevuto di nuovo la piometra. Hanno dovuto fare una sterilizzazione di emergenza e rimuovere tutti i suoi organi femminili, tutti. Ce l'ha fatta ma il giorno dopo era molto malata e stava andando in discesa. Hanno dovuto riaprirla e riparare alcune navi.



La nostra piccola Mira non ce l'ha fatta. Ha soffiato un coagulo di sangue nel polmone a causa della filaria ed è passata al ponte. La sua voglia di vivere, il suo amore per la vita così com'era, la sua bellezza interiore e solo il suo comportamento generale hanno portato così tanta speranza a tutti noi. Ha ricordato a tutti noi il vero significato del salvataggio. Non era il cane più carino del mondo, magro, con i piedi piatti, la gamba deforme, e non il cane dall'aspetto più Dobie, ma che cane era.

Mira è il volto del salvataggio.